M. LOD. DOMENICHI..239 / perimpresa vn Platano con vn motto, il quale (se / ben mi ricorda) è verso di Vergilio, e dice; / ET STERILES PLATANI MALOS / GESSERE VALENTES. / Hora prima ch'io esca delle Academie, non posso / passare con silentio vn'altra Academia, laquale più / per burla, che per altro fine fu ordinata in Piacen- / za, l'anno M. D. XLIII. da alcuni suegliati intel- / letti; laquale Academia era posta sotto la tutela e / protettione del Dio de gli Horti, e per ciò gli Aca- / demici si chiamauano in publico gli Hortolani, & / in priuato poi haueuano altro nome. Vsauano per / impresa e per suggello della loro raunanza la falee / di Priapo, per non fauellare più scoperto con esso voi, / che intendete. Il motto era Toscano, SE L'HV- / MOR NON VIEN MENO. E benche, come / io hò detto, questa Academia fosse ordinata per giuo- / co e per riso da giouani huomini e lieti, spendeua- / uisi nondimeno il tempo molto honoratamente, & / con grandissimo profitto di chi vi usaua. Percioche / vi si leggeua Filosofia, Loica, Rhetorica, Poesia La- / tina, e Toscana, e vedeuansi spesso comparire dottis- / sime compositioni nell'vna e l'altra lingua. D'intor- / no à questo tempo, ò poco prima ò poco poi fu vn'al- / tra Academia in Bologna, città (come voi sapete) / madre di tutte le scienze e di tutti gli studi, e dota- / ta d'infiniti bellisimi ingegni, laquale Academia si / chiamaua

 

 

Page 0239 - facsimile image