175 tio, & onor di Cristo , del qual'egli con quella coronatione si fa Cavalie-
ro. Et però abbia levata questa Impresa, tutta devota, tutta umilissima, & tutta
à solo onore, & à sola gloria di Dio, essendo in essa figurato il Mondo, cioè que
sto inferiore da noi abitato, nel quale si veggono dalle quattro sue parti, Orien
te, Occidente, Mezodì, & Settentrione, poste l'Arme, & Insegne di Cristo per
principali, con quelle poi dell'Imperio, come di suo Cavaliere. Et con le paro-
le, Christo duce , viene con santissima maniera à mostrare, che il Ca
pitano, & il capo vero di questa vittoria, & di questa operatione di stender l'Im-
perio, & la fe di Cristo per tutto il mondo, sarà Cristo stesso. Nel che si
viene con bellissimo modo à mostrar di tener tutto ciò per facile, non che pos
sibile, con l'aiuto del potentissimo Signor nostro, con ricordar le miracolose
vittorie, che con la scorta, & aituo di Dio ebbe il popolo eletto, il quale stette
in quella parte, dove à noi resta di dever collocare, & stender la santissima fe-
de nostra. Della quale scorta, & del qual suo aiuto esso Signor nostro ci ha co-
minciato à dar tanti segni, & sì alto principio, con averci come miracolosamen
te guidati à ritrovare, & acquistar quel mondo, che fin qui è stato incognito à
tutti i secoli. Onde questa Impresa sì come è bellissima di figure, regolata, chia
ra, & leggiadra nelle parole, & vaga con la relatione, che ha alla detta misterio
sa cerimonia di darglisi lo scettro, & il pomo in mano, così ha poi leggiadrissi
ma concorrenza con quella delle colonne d'Ercole, che usava l'Imperator
Carlo quinto , suo fratello, mostrando questo d'aver'animo, & spe-
ranza di non solo passar Piu oltre da quella parte del mare Atlantico,
ma ancora di metter'in tutte quattro le parti del Mondo l'Insegne, & le fe di
Cristo. Onde ne viene ad esser nobilissima di pensiero, con quella suprema
grandezza d'animo, che ad ottimo Imperator si conviene inquanto al mon-
[taper]do, & con quella lodevole, & santissima umiltà, & fede verso Iddio ,
che egli ha mostrata sempre in ogni sua cosa, & che essendo debita
in ogni animo rationale, non che Cristiano, à coloro più si con
viene, che piu si ritrovano in altissimo grado, & antepo
sti à gli altri di dignità da quel supremo Principe
da chi solo viene, & à chi solo deve
ritornar ogni gloria. [/taper] [FER-]

 

 

Link an image of this page
[Click on image for full page view]