123 CLAUDIO
DI GUISA, CARDINAL
DI LORENA.
INFORMAL DESCRIPTION
LESTANTE[sic] VIREBO

[TEXT] [A]NCOR CHE L'EDERA SIA DI QUELLE piante,
che non perdon mai fronde, come l'Oliva, il Narancio, il
Cedro, la Mortella, la Palma, il Pino, il Cipresso, & più altre,
tuttavia potendo per alcuna mala stagione, ò per imperfet-
tion di terreno, ò qualche altro strano accidente, ricevere
offesa, ò seccarsi, ò star gialligna, & pallida, si può comprende-
re, che questo Cardinale con questa Impresa abbia voluto dimostrare al suo Re,
che stando egli sotto l'ombra di sua Maestà, non tema d'offesa alcuna, che qual
si voglia malignità d'huomini, ò di fortuna potesse ordirgli. Nelle figure si ve-
de un'Edera, che s'apoggia ad una Piramide, in cima della quale è una Luna,
ond è il Motto, Te stante, virebo , che in Italiano diria, Men-
tre, ò fin che tu starai io sarò verde, ò verdeggerò, può riferir la parola, TE così
alla Luna, come alla Piramide. Se alla Luna, può comodamente intendersi, che
parli al suo re, il quale, come si vederà à suo luogo, ha la Luna per sua Impre-
sa. Et riferendosi la detta parola, TE, alla Piramide, può similmente intendere
[il det- ]

 

 

Link an image of this page
[Click on image for full page view]