72 ancora procurar di mandarlo ad effetto, & venirli felicissimamente fatto, ac-
compagnandosi la fortuna, ò, per dir molto meglio, la gratia di Dio, con la vir
tù sua, sì come cominciò tosto à vedersi ne gli effetii, & s'è poi successivamen
te venuto vedendo continuare, & crescere di tempo in tempo.
Percioche in quella prima Impresa d'Ungheria s'intese,che egli si portò in
modo,& con tanta lode del Vitello, & altri Signori, & particolari di quell'es-
sercito, che fra non molto altro tempo fu rimandato alla guerra d'Alemagna,
& meritò non solamente d'esser in publico, & particolar laudato suprema-
mente dall'Imperator Carlo v. ilche s'ha da tener immortal corona d'e-
terna gloria, ma ancora di racquistar à se, & alla Casa sua la gratia della Sede
Apostolica, la quale i suoi antecessori avean perduta cert'anni prima, & fu dal
detto giudiciosissimo Pontefice creato Collonello di sei insegne,& datogli il
governo della custodia di Roma, il qual grado non si suol dare se non à perso
ne principalissime. Et indi poi andò in Barberia l'anno del cinquanta all'im-
presa d'Africa, & ne ritornò al suo solito universalmente commendato, & par
ticolarmente ornato di lodi, & premii dal Principe Doria, General di quella
Impresa. Et con non minor lode si trovò poi alla guerra della Mirandola.
Talche, vedendo in brevissimo corso d'anni à stendersi spatiosamente la fama
del valor suo, fu con grado onoratissimo eletto da i Signori Venetia-
ni
. Dal prudentissimo giudicio de'quali ha avuta in governo, & custodia
l'Isola di Corfù, la Città di Padoa, & quella di Verona, luoghi importantissi-
mi,& principalissimi di questa gran Republica. Et ultimamente è stato da lo-
ro essaltato all'onoratissimo grado di Generale di tutta la cavalleria di detto
Dominio. Et sotto questi felici auspicii, & col gran nome del valor suo, &
della sua gran bontà, questi anni adietro ha riavuto lo Stato antico della sua
Casa, laquale ne era stata privata da già trent'anni, & sono intorno à dodici ò
tredici sia Terre grosse, & castelli. Et insieme ha conseguita la pace co'suoi
parenti,essendo i loro antecessori stati in sanguinosissime discordie più di ses-
sant'anni. Ilche tutto m'è venuto in proposito di ricordare per l'espositione
di questa sua Impresa: à dimostrar che,sì come l'intentione è stata bellissima,
così non meno egli è stato diligente, & felicissimo nel verificarla, & effettuar-
la, avendo continuamente partoriti frutti del suo valore, & della sua gloria
notabilissimi,& di tanto più perpetua, & lunga vita, ò duratione, quanto più è
degno l'huomo,che l'Elefante nel qual egli con la solita vaghezza, & consue-
tudine dell'Imprese, si rappresenta.
Questa Impresa si vede, che quel Signore ha seguito d'usar sempre, & l'usa
ancor'oggi nell'Insegne, ne i portieri, nelle sopravesti, & nell'armature. Che,
quantunque il parto si sia veduto in luce da già più anni, com'è detto, tutta-
via ha bellissima modestia, & vaghezza il mostrar l'intention sua continua-
mente gravida di pattorirne. ò voglia forse mostrare, che i parti, ò frutti
già prodotti, & fatti, ancor che sieno illustri, & notabilissimi, non son però
quelli, che nel desiderio, & nella speranza, & intention sua egli ha conceputi
molto maggiori. Et mi ricordo aver detto altrove nelle regole, & modi di far
l'Imprese, CHE, se ben'elle si fanno sopra pensieri particolari, & à tempo, &
che si possono lasciare, ò mutar con l'occasioni; nientedimeno, con tutto, che
tai nostri pensieri sien poscia effettuati, & esseguiti, & l'augurio, ò la promessa
[dell'Im-]

 

 

Link an image of this page
[Click on image for full page view]