59 per se stesse, ma per altrui, col Motto, Sic vos non vobis . Le quali sono quelle pa
role notissime, che fece Virgilio, quando quel buon medico avea goduto dal-
l'Imperatore Augusto l'onore, & il premio de'versi, che Virgilio avea fatti à
gloria di esso Augusto. Onde poi Virgilio attacò nel medesimo luogo, ove
aveva attaccati i primi, quattro volte in principio di verso queste parole: Sic
vos non vobis
. Et desiderando Augusto d'intenderne la interpretatione, nè
trovandosi chi sapesse farla, Virgilio stesso gli dichiarò, finendoli, ò distenden
doli così tutti,
[COL 1] Sic vos non vobis
Sic vos non vobis
Sic vos non vobis
Sic vos non vobis [/COL 1] [COL 2] Nidificatis aves.
Vellera fertis oves.
Mellificatis apes.
Fertis aratra boves.
Là onde Virgilio ne crebbe in tanta gratia d'Augusta. Volse adunque
Anton de Leva piacevolmente,& con modestia, come à discreto, & saggio ser-
vitore si conveniva, mostrar con questa Impresa ch'egli à guisa delle api, avea
faticato per altri nell'acquisto, & nella conservatione del detto Stato di Mila-
no. Laqual Impresa,& laqual'accortezza, dicono che sommamente piacque
à quel generossimo Imperatore, & che gli disse, Ni vos tampoco os quexaris,
pues yo mismo soy el medico,
cioè, Nè ancor voi vi lamenterete, poi che io
medesimo sono il medico: volendo intendere, che sì come Virgilio, di cui
sono le parole & l'essempio, si ebbe da lodar d'Augusto, così farebbe, che egli
si lodasse di lui, poi che esso Imperator medesimo era il medico, che l'avea in-
gannato, & potea medicarlo. Che per certo fu risposta degna d'un tanto Prin-
cipe; & tanto più avendogliela poi verificata con gli effetti per tante vie, &
non solamente nelle persona di esso Imperator medesimo, me ancora in quella
de' figliuoli,de quali il maggiore è stato quell'onoratissimo Principe d'Ascoli,
il quale doppo l'essere stato lungamente Generale della cavalleria nello Stato
di Milano, morì questi anni passati à San Quintino, avendo ottenuto dal Re
FILIPPO nella presa di detta Terra, che lo mandasse dentro con autorità
di saluar le donne in quel sacco. Nel qual santo ufficio si riscaldò tanto, che
[TAPER] se ne morì fra non molti giorni, avendo lasciato, oltre à più altri figliuoli
d'ottima speranza, un'altro Antonio de Leva, cioè il maggior suo
figliuolo, il quale è successo nel Principato, & alquale il Ma-
gnanimo Re FILIPPO, non lascia indietro favore,
nè onore alcuno, che non faccia, in memoria de'
meriti de'suoi maggiori, & di quelli, che già
promette al mondo le reale indole del
detto giovene: il quale
[/TAPER]par che fin quì accenni per molte vie d'aspirare à
[TAPER]superar'in virtù, & in gloria i suoi ante-
cessori, non che imitarli fe-
licemente.
[ANTO-]

 

 

Link an image of this page
[Click on image for full page view]