casa stessa di Cibò, sì come appare nel Vaticano, dietro al palazzo di San Pie-
tro, sotto la sala di Costantino, & in una pietra, che ha il ritratto di questo Pon
tefice in iscoltura, nella Chiesa di San Pietro, & in un'altro del medesimo Pon
tefice, in marmo nella Chiesa di San Paolo fuor di Roma. Il già nomina-
to Tomacello si partì di Genova molto tempo avanti, che Guiglielmo Ci-
acquistasse nell'Arme la croce rossa, della Republica di Genova. Et an-
cor questo Tomacello non fu discendente di questo Guiglielmo, ma d'altri
prima antecessori di casa Cibò. Et però la casa Tomacella non ha la cro-
ce rossa.
Truovo poi parimente, che Francesco Cibò, figliuolo d'Innocentio
Ottavo
, usava per sua Impresa, pur'in forma d'Emblema, una botte in piede,
che da più parti manda fuori fiamme di fuoco accese.
Barrel...
VA VO UT IN BERSES

col Motto,
Van, Guot In Berses.
parole Tedesche, che in Italiano direbbono,
Di Bene In Meglio.
Questo Francesco fu Conte dell'Anguillara, & Governator della
Chiesa nel Ponteficato di detto Innocentio, & la principal intention sua con
tal'Impresa, ò Emblema, si può comprender che fosse il voler dar segno di fe-
sta, & d'allegrezza, & augurar à se, & à suoi posteri vera, & Cristianissima feli-
cità. Overo mostrarsi tutto chiaro, & acceso del medesimo animo, & pensie-
ro, ch'ebbero i suoi passati nell'esser leale, splendido, & magnanimo. Anzi
col Motto l'Autor dice, & promette di voler'andar sempre di bene in meglio,
nel seguire, & avanzare i suoi antecessori in questi effetti di lealtà, & di splendi
dezza, sì come mostrò sempre chiaramente in ogno operation sua, essendo sta-
to huomo di buonissima mente, liberale, & amator d'ogni virtù, & massima-
mente de' suoi, & in particolare della casa de' Medici, suoi parenti, avendo egli
per moglie Maddalena, figliuola del gran Lorenzo de' Medici , & sorella

 

 

Link an image of this page
[Click on image for full page view]