274RAGIONAMENTO DI
huomini letterati e buoni, che si traggono all'odore
delle virtù del Cardinale. Hor per tornare al Conte
Vinciguerra di Collalto, dico che la singolare huma-
nità e magnificenza di questo amoreuole Signore è
ta[n]ta e tale, che s'hà fatti schiaui e diuoti tutti i belli
spiriti dell'età nostra. E benche io sia come nulla ap-
presso loro, nondimeno per sodisfare in quel miglior
modo, ch'io posso all'obligo particolare, ch'io tengo se-
co, per essere io stato fauorito e beneficato da lui, gli
feci per impresa vn Cigno, ilquale volando per l'aere
& hauendo in bocca il glorioso nome del Conte Vin-
ciguerra, lo porta à co[n]sacrare al tempio dell'Eternità:
come senz'alcum dubbio auuerrà per merito delle
virtù sue. Il motto dice; COELO MVSA BEAT.
Il Signor Don Consaluo Ferrante di Cordoua, Duca
di Sessa, ilquale nacque della S. Donna Eluira, che
fu figliuola del gran Capitano, è vno de'più nobi-
li, più virtuosi Signori, c'habbia tutta la Spagna, e
di cosi grande e generoso animo, che alla sua realis-
sima liberalità poco sarebbe loro delle Indie nuoue.
Di questo splendidissimo Signore dirò poco, per non
iscemargli honore: questo solo voglio dire, ch'egli mi
honorò di tal modo e con parole amoreuoli e con atti
cortesi, che quando io scriuessi e ragionassi sempre in
lode di lui, non mi riputerei sodisfare a'meriti suoi,
nè al debito mio. Ma nondimeo dandogli io quel,
ch'io posso, sarò in parte scusato. Feci dunque vna im-
presa

 

 

Link an image of this page
[Click on image for full page view]