M. LODOVICO DOM.257
Ilquale arco quanto il Sole è più alto, tanto viene
à farsi maggiore. Voglio dunque inferire che hauen-
do questo generoso Signore seruito honoratamente
in guerra molti Prencipi, & fra gli altri il Serenis-
simo Rè de' Romani, quanto hà fatto seruitù à mag-
gior personaggio, tanto più è riusciuto chiarissimo &
eccellente. Il motto dice; A MAGNIS MAXIMA.
Hò fatto vn'altra impresa al Signor Sforza Palla-
uicino, il quale è quel rarissimo caualiere, che sà tut-
to'l mondo, hauendo egli lasciato infiniti testimoni
di valore e di fede in molte guerre, e massimame[n]te
al seruitio della Maestà del Rè Ferdinando, per cui
egli tuttauia con molta sua lode & honore milita e
serue. Et è questa impresa la Donnola, che combatte
con le Serpi, ilquale animale è dotato dalla natura
di tanto ingegno, che conoscendo il mortifero vele-
no del suo nimico, innanzi che vada ad affrontarlo,
prima si prepara con la Ruta. E però hò voluto ac-
co[m]modare questo suggetto al Signor Sforza; ilquale
hauendo à combattere co' Turchi, nostri e della son-
tissima fede di Christo capitalissimi nimici, s'arma
prima e prouede non solo di buona armadura, ma
di eccellentissimo e singolariss. ardire & valor d'ani-
mo e di corpo.Ilche egli hà fatto sempre, & è per
far quest'anno anchor con grandissimo danno de
gli infideli, se à Dio piacerà mandargli di nuouo,
come si ragiona, à trauagliare il regno d'Vngheria.
R

 

 

Link an image of this page
[Click on image for full page view]