242RAGIONAMENTO DI
monte, doue leuò per impresa vn'Aquila, laquale
volaua tant'alto incontra il Sole, che s'abbrucciaua
le penne col motto; AVDE ALIQVID DIGNVM.
La quarta impresa di questo valoroso Signore, fu giu-
dicata molto bella e giudiciosa da ogn'vno che la
vide, quando egli andaua per condursi à combattere
in isteccato: e questa impresa fu vna spada ignuda,
col motto: EX HOC IN HOC, dimostrando,
com'egli era per far fede della sua giusta causa e
della ragione, ch'egli haueua contra il nimico con la
spada. Laqual ragione particolarmente anchora suole
essere il più delle volte fauorita e difesa da Dio. La
quinta impresa di questo cortesissimo gentil'huomo,
ma ohime, ch'io non m'accorgeua, che col ragionar
tanto d'vn solo, torrei il capo, come si dice, à vna
pescaia. POM. Noi non curiamo gran fatto, che voi
ci ragionate d'vn solo, ò di molti, pur che variate
l'imprese. LOD. Se così è, come dite, non crederò,
che voi crediate, ch'io lodi questo honorato caualiere
per l'amicitia, ch'è tra noi; ma sequiterò à dirui due
ò tre altre delle sue. L'vna delle quali fu, quando
egli venne alla guerra di Siena, ch'egli portò nella
bandiera per impresa vn'vcello chiamato Seleuci-
de, il quale fu dato da Dio à gli habitatori del mo[n]te
Cassino per distruggere le Locuste, che mangiauano
loro tutte le hiade. Non si sà doue questo vccello si
stia, nè donde ei venga; ma comparendo le Locuste,
comparisce

 

 

Link an image of this page
[Click on image for full page view]