232ageNr>RAGIONAMENTO DI
to, sicome conueniua alla Palla percossa, così si poteua
acco[m]modare all'animo suo franco & inuitto; ilquale
quanto era più trauagliato e battuto da colpi di For-
tuna, tanto maggiormente s'alzaua da terra e pi-
gliaua maggior forza. Poteuasi intendere anchora,
ch'egli hauesse voluto accennare alle Palles arme
peculiar di casa de' Medici, e del Duca Cosmo suo
Signore; il cui stato quanto maggior burasca e tra-
uaglio hà hauuto da' suoi potentissimi nimici, tanto
più è ito ogn'hora crescendo & auanzando in ripu-
tatione e'n grandezza. POMP. Questo secondo in-
telletto assai più mi piace. LOD. Io hò veduto an-
chora l'impresa del Signor Don Diego Hurtado di
Mendozza, di quello, che gouernaua Siena al tempo
ch'ella si ribello dall' Imperadore, e s'accostò à Fran-
cia; laquale è vna stella senz'altro, col motto Spa-
gnuolo BVENA GVIA; alludendo forse alla stel-
la, che guidò i tre Magi, ouero volendo inferire, che
tutte l'opere & attioni humane hanno buon fine,
ogni volto ch'elle pigliano per guida il consenso e
voler diuino. POM. Io mi marauiglio molto, come
questi Signori Spagnuoli tutti, ò la maggior parte
vsino di fare i motti delle loro imprese nella pro-
pria lingua. LOD. E no si può negar certo, che la
lingua Spagnuola non sia bellissima e vaga, quanto
alcun'altra, massimamente la Castigliana; e ch'ella
non sia capace di tutti quegli ornamenti, che hà seco
la Lati

 

 

Link an image of this page
[Click on image for full page view]