DI M.LOD. DOMENICHI.217
daglie e' ritratti si conuengono à gli huomini illu-
stri, e non alle persone oscure, si come io sono. POM-
PEO. Lasciamo hora il ragionare quel, che voi siate,
e fatemi veder l'imagine vostra. LODOVICO. Que
sto è vn ritratto, che già tre anni sono, Domenicho Pog-
gini volle far di me, mosso dalla sua vera cortesia, e
dall'amor, che mi porta; allaqual cosa acconsentij fa-
cilme[n]te, sol per no[n] rifutar l'honore e'l fauore fattomi
da così caro e virtuoso amico; e non perche io non co-
noscessi (come io v'ho detto) che queste memorie si
conuengono à maggiore huomo, ch'io non sono.
POM. L'artificio è bellisimo, e l'impronta anchora à
mio giudicio, vi somiglia per excellenza. AR. Il ro-
uescio poi anch'egli è molto ingegnoso: cotesto vaso
di fiori folgorato, coll motto Greco, . Perche hauete voi
preso questo vaso di fiori? LO. Per la vita humana,
e' fiori per le virtù e gratie donate dal Cielo; lequali
com'è piaciuto à Dio, sono state fulminate e percosse,
ma non arse e distrutte. Percioche sicome voi sapete,
tre sorti ci sono di folgori, l'vna delle quali, per vsar
le parole di Plinio, afflat, & non vrit; e questa pro-
prio, per arrecarmi tutti i flagelli e le tribulationi da
Dio, ilquale, come dice San Paolo, quos amat, hos &
castigat; e perciò co[n] amoreuolezza paterna s'è degna-
to flagellarmi; m'hà fatto accorto e riconoscente de gli
infiniti suoi benefici in me dispensati e della ingra-
O 5

 

 

Link an image of this page
[Click on image for full page view]