S. GAB. SYMEONI.207
entrò per vna fenestra della camera assai alta, e
saltato sulla tauola, e maneggiato lungamente gli
scudi nel modo che faceua l'vsuraio, cominciò à por-
tarli sopra la fenestra, e gittarli tutti nella via: della
qual cosa se la gente godeua, e l'vsuraio si dispe-
raua, io non ne dico nulla, essendo assai occupato à
ridermi di lui e di tutti suoi simili, i quali ragu-
nano i danari e la robba bene spesso per coloro, che
non ne sanno loro grado, senza altrimenti
ricordarsi di questa bella e cosi vera sen-
tenza che dice, MALE PAR-
TA MALE DILA-
BVNTVR.

M. Matteo

 

 

Link an image of this page
[Click on image for full page view]