pictura
secondary text
DOM. Se non fosse presuntione, io vi direi, Mon-
signore, vna ch'io hò fatta per me anchor che l'im-
prese si conuengano à persone di maggior pregio, che
non son io. GIO. E perche non istanno elleno be-
ne à voi? ditela pure sicuramente, che insino adhora
vi assoluo da ogni biasimo di presuntione, che perciò
ne potreste incorrere. DOM. Assicurato dunque dall'
autorità e fauor vostro, dico, che volend'io signifi-
care vn mio concetto assai modesto, ho fatto questa
impresa; & è, che non potend'io stare nella patria
mia Piacenza con quella tranquillità e contentezza
d'animo, ch'io vorrei, mi hò eletto per seconda pa-
tria questa floridissima Fiorenza; ou'io spero prospe-
rare sotto questo liberale & giudicioso Prencipe. E
Page 0160
così hò figurato vn'albero di Pesco carico di frutti, il
quale albero non hà felicità nel suo terren natio; ma
trapiantato poi in terreno lontano e fertile, prende
felice migliorame[n]to con vn motto, che dice;
Page 0161
motto/title
TRANS-
LATA PROFICIT ARBOS.
Page 0161
secondary text
GIO. Questa vostra impresa, Domenichi mio,
anchor che sia ingeniosa & discrete, mi dispiace
per due conti.DOM. Di gratia, Mons. siate contento
dire perche. GIO. L'vno è, perche se ben mi ricor-
da, ella è già stata inuentione di M. Andrea Alciato
negli emblemi suoi; l'altro, perche non conuien mol-
to à voi, che già non siete voi pianta velenosa e ta-
le, che non haueste potuto, volendo, far ancho frutto
nel vostro natio terreno; sì che, se farete à mio sen-
Page 0161
no, ve ne prouederete d'vn'altra, che più vi si co[n]fac-
cia.
Page 0162