pictura
secondary text
DOM. Adunque Monsignore, voi non douete
mancare di dirmi, quali sono l'altre imprese, che ha-
uete fatto dipingere nelle case vostre. GIO. Euui fra
l'altre quella della Eccellentissima e non mai à ba-
stanza lodata, la Signora Marchesa di Pescara Vitto-
ria Colonne, alla memoria della quale io tengo infi-
nito obligo, come hò mostrato al mondo con la vita
dell'inuittissimo suo consorte, il Signor Marchese di
Pescara. Essa Signora anchor che tenesse vita secon-
do la disciplina Christiana, pudica e mortificata, fus-
se pia e liberale verso ogn'vno, non le mancarono pe-
rò inuidiosi e maligni, che le dauano molestia, e di-
sturbauano i suoi altissimi concetti; ma si consolaua,
che quei tali credendo nuocere à lei, noceuano à se
stessi e fu più che vero per molte ragioni, che hora no[n]
Page 0112
accade dire. Perche io feci certi scoglij in mezo il
mar turbato, che gli batte con l'onde procellose, con vn
motto di sopra, che diceua;
Page 0113
motto/title
CONANTIA FRAN-
GERE FRANGVNT
Page 0113
secondary text
quasi volesse dire, che gli
scoglij della sua fermissima virtù ribatteuano in die-
tro le furie del mare; con ro[m]perle e risoluerle in ischiu-
ma. E tiene questa impresa vaga vista, e perciò l'hò
fatta accuratamente dipingere nella casa nostra.
Page 0113