/ Caualiero, e meritò d'hauer la compagnia di cento / lancie da Papa Giulio, e poi da Leone; ne' saioni e / bandiere dellaqual co[m]pagnia fece fare vna assai pro- / portionata impresa; cioè, vna mano, che abbruciaua / nel fuoco d'vn altare da sacrificio, e col motto: FOR- / TIA FACERE ET PATI ROMANVM EST. / Alludendo al suo nome proprio, à similitudine di / quell'antico Mutio, che disegnò indarno d'ammaz- / zare Porsena Rè di Toscana, ilquale volse, che la ma- / no, che errò ne portasse la pena. Il che fu di tanta ma- / rauiglia, che, come dice il Poeta, HANC SPECTA- / RE MANVM PORSENA NON POTVIT. / Fu l'inuentione di M. Tamira huomo letterato, e ser- / uitore antico di Casa Colonna.

 

 

Page 0072 - facsimile image