PRUDENZA. / / Nella statoa di Baccho Dialogo. / INFORMAL DESCRIPTION        / Baccho chi fu quell’huom tanto fra noi / Aventuroso sopra ogni mortale, / Che qui ti vide, e ti scolpio dapoi? / Fu Prasitele, alto intelletto, il quale / Mi vide alhor, ch’io fei dolce rapina / De la bella Arianna, e lei immortale. / Deh’perche ne l’età, che piu s’inclina / A glianni di Titone, e’l lascia a drieto, / Hai si giovane faccia e peregrina? / Perche se i doni miei temprato e queto

 

 

Page 027 - facsimile image